Oscillazione di sentimento

Tramonto senese

“La bellezza della natura suscita in me questo sentimento; un sentimento non so se di gioia, di tristezza, di speranza, di disperazione, di dolore o di piacere. E quando arrivo a questo sentimento, mi fermo. Già lo conosco, non cerco di sciogliere il nodo, ma mi accontento di questa oscillazione.”

Lev Nikolàevič Tolstoj

La nostra vita è un groviglio di sogni intrecciati

La nostra vita è un groviglio di sogni intrecciati

chi può decidere

sulla pietra e l’acqua che si sfiorano,

su chi delle due regge l’altra,

e che in realtà il giorno

non sia fatto di sale, luce e sabbia?

Il senso della vita emergerà

quando riempiremo i vuoti,

e una metà comprenderà l’altra

quando sapremo interpretare

correttamente la pietra e l’acqua:

per noi la maturità è come un frutto selvatico;

un veleno che giunge

le nostre languide bocche!

Chi può districare ciò che ti ho dato,

da ciò che ho preso da te?

La nostra vita è un groviglio

di sogni intrecciati,

e bisogna sorreggere i sogni.

Io premerò i tasti morbidi della vita

tu costruisci il tetto.

Io indagherò sui segreti,

tu cerca il senso della vita.

Io invertirò la direzione dell’estate

tu parti per un viaggio.

Io sentirò nostalgia di quel giardinetto

tu insisti, piuttosto.

Birhan Keskin

La gioia del mistero

Edouard Boubat

“Quando l’allievo è pronto il maestro compare”, dicono gli indiani a proposito di un guru, ma lo stesso è vero di un amore, di un posto, di un avvenimento che solo in certe condizioni diventa importante. Inutile cercare le ragioni, andare a caccia di fatti e spiegazioni. Noi stessi siamo la riprova che c’è una realtà al di là di quella dei sensi, che c’è una verità al di là di quella dei fatti e se ci ostiniamo a non crederci, perdiamo l’altra parte della vita e con quella la gioia, appunto, del mistero.”

Tiziano Terzani ( Un altro giro di giostra)

Gabbiani

Maggio 2021- Castiglione della Pescaia

Non so dove i gabbiani abbiano il nido

ove trovino pace.

Io sono come loro

in perpetuo volo.

La vita la sfioro

com’essi l’acqua ad acciuffare il cibo.

E come forse anch’essi amo la quiete,

la gran quiete marina,

ma il mio destino è vivere

balenando in burrasca.

Vincenzo Cardarelli