Luce interiore

“Le persone sono come quelle finestre di vetro a specchio. Brillano e luccicano quando il sole è alto, ma quando arriva l’oscurità, la loro vera bellezza si rivela solo se vi è una luce all’interno. ”

Elizabeth Kubler-Ross

Settembre-2020-Tepidarium del Roster-Giardino dell’Orticultura-Firenze ( foto personale).

Porta della Mandorla

Lo splendido bassorilievo della porta, posta a nord, del Duomo di Firenze, Santa Maria del Fiore è stato realizzato da grandi artisti come Donatello, Nanni di Banco e Davide Ghirlandaio tra il 1391 e il 1423. Nel bassorilievo la Madonna è incastonata in un nimbo a forma di mandorla. La mandorla è da sempre il simbolo dell’integrità fisica e morale, quindi anche della verginità. Per questo, fin dal XVI secolo, c’è la consuetudine di offrire i confetti ( contenenti la mandorla) alle nozze.

(Foto personali)

Il tè nel deserto

Colonna sonora del film di Bernardo Bertolucci “Il tè nel deserto” è di Ryuichi Sakamoto.

“Poiché non sappiamo quando moriremo, si è portati a credere che la vita sia un pozzo inesauribile; però tutto accade solo un certo numero di volte, un numero minimo di volte. Quante volte vi ricorderete di un certo pomeriggio che è così profondamente parte di voi che senza neanche riuscireste a concepire la vostra vita, forse altre quattro o cinque volte, forse nemmeno. Quante altre volte guarderete levarsi la luna, forse venti, eppure tutto sembra senza limite. ” ( Paul Bowles)

” Non c’è nulla di più stimolante dell’idea di un angelo!”

Le immagini religiose hanno affascinato e incuriosito Dalí per tutta la vita. Per Dalí gli angeli esprimevano grazia, nobiltà, leggerezza. Una volta ebbe a dire:”non c’è nulla di più stimolante dell’idea di un angelo!”.

Foto dell’Angelo del trionfo.

Visione dell’Angelo. In questa scultura Dalí da una sua personale e surreale interpretazione di Dio e della Trinità Divina. La forza e la supremazia di Dio Padre è rappresentata dal dito, da cui emerge ogni forma di vita, simboleggiata dai rami. Raffigura poi l’umanità piena di vita ed energia che riporta alla figura del Figlio di Dio e poi ritorna la figura alata che rappresenta lo Spirito Santo.

La Lumaca e l’Angelo. In questa scultura, l’angelo che si posa sulla lumaca ( simbolo universale del lento scorrere del tempo) fa dono all’animale della rapidità del movimento.

Sculture di Salvador Dalí-Mostra a Siena-Palazzo delle Papesse-( foto personali)

Profilo del tempo

Il famoso orologio molle è una scultura geniale, piena di rimandi simbolici e di significati nascosti. L’orologio molle si liquefa inesorabilmente sull’albero formando una doppia immagine. Nell’osservarla inclinando la testa a sinistra appare un’immagine nascosta: il quadrante dell’orologio si trasforma nel profilo dell’artista. Dalí amava sorprendere le persone e le incoraggiava a partecipare alla sua arte.

Mostra di Salvador Dalí- Palazzo delle Papesse-Siena