Il modo tuo d’amare 

Il modo tuo d’amare 

è lasciare che io t’ami. 

Il sì con cui ti abbandoni 

è il silenzio. I tuoi baci 

sono offrirmi le labbra 

perché io le baci. 

Mai parole e abbracci 

mi diranno che esistevi 

e mi hai amato: mai. 

Me lo dicono fogli bianchi,

mappe,telefoni,presagi ;

tu, no. 

Pedro Salinas 

Foto di Jeanloup Sieff -Boîte de nuit -Paris -1956 .

Pan co’ santi 

Il pan co’santi o pane dei Santi è un dolce tipico di Siena che nella tradizione viene preparato per la festività di Tutti i Santi .

Questo dolce è un pane lievitato nel cui impasto vengono messe noci ed uvetta  (i santi) ed hanno il compito di renderlo dolce e ricco,visto che di zucchero ce n’é poco. Viene messo anche molto pepe e si accompagna bene al vin Santo o ad un vecchio Chianti classico. 

Il rito di preparare il dolce per le festività dei Morti e di Ognissanti ha origini molto antiche: i Greci offrivano un pane dei morti a Demetra  (dea delle messi) per assicurarsi un buon raccolto .

Questo dolce racconta la storia nobile e antica di Siena,capitale del gotico dove i banchieri e i mercanti portavano denaro e il racconto di lontane culture,anche gastronomiche. 
A me evoca quei bei ricordi che sanno di tradizione ,di calore e di famiglia .

Sempiterna bellezza 

Baigneuse Valpiçon -1808 

Jean August Dominique Ingres 

“Io credo in Michelangelo,Velasquez,e Rembrandt;nel potere del disegno,nel mistero del colore,nella redenzione di tutte le cose per mezzo della sempiterna bellezza,e al messaggio dell’ Arte che ha reso quelle mani benedette .Amen. ”

George Bernard Shaw 

Le bain turc -1852/59

Jean August Dominique Ingres 

Le opere sono custodite al Museo del Louvre -Parigi 

Ti amo….

Ti amo come se mangiassi il pane spruzzandolo di sale 

come se alzandomi la notte bruciante di febbre 

bevessi l’acqua con le labbra sul rubinetto 

ti amo come guardo il pesante sacco della posta 

non so che cosa contenga e da chi 

pieno di gioia pieno di sospetto agitato 

ti amo come se sorvolassi il mare per la prima volta in aereo 

ti amo come qualche cosa che si muove in me 

quando il crepuscolo scende su Istanbul poco a poco 

ti amo come se dicessi Dio sia lodato son vivo. 
Nazim Hikmet 

Foto :Istanbul di Metin Demirel.